Governo svizzero: “investire nella banda larga!”


Banda larga, avanti tutta. E’ il pensiero del governo svizzero, che si dichiara soddisfatto dei progressi ottenuti e auspica inoltre una maggiore concorrenza tra i fornitori.

BIEL-BIENNE – Il governo svizzero vede «con favore» il fatto che la Svizzera «investa più di altri Paesi» nello sviluppo della banda larga.

Ad affermarlo è una nota di ieri del Consiglio federale, che si dichiara anche «soddisfatto» dell’accordo raggiunto dai fornitori di servizi di telecomunicazione, sotto la guida della Commissione federale delle comunicazioni (ComCom), per il coordinamento dell’allargamento delle reti in fibra ottica.

Per frenare un eventuale svilupparsi di cartelli che penalizzerebbero la concorrenza, il Consiglio federale afferma che valuterà l’eventuale adozione di «misure giuridiche volte ad assicurare la concorrenza e la fornitura in tutta la Svizzera di adeguate capacità di trasmissione».

La discussione in proposito è stata attivata grazie alla proposota del DATEC (Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni).

A metà 2010 il Collegio presenterà inoltre al Parlamento un rapporto di valutazione del mercato delle telecomunicazioni e si esprimerà più dettagliatamente riguardo alla costruzione delle reti in fibra ottica, rispondendo in tal modo alle richieste della Commissione dei trasporti e delle telecomunicazioni (CTT) del Consiglio degli Stati.

Red. Tec.

Commenta via Facebook!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *