Oscon, il facsimile di contratto per software e siti web


Pubblicata oggi la nuova versione del noto pacchetto Oscon, il facsimile gratuito di contratto per la vendita di servizi, software e siti web.

ROMA – Esce oggi la nuova versione di Oscon, il contratto gratuito per la vendita di servizi, software e siti web. Il pacchetto, studiato espressamente sulla legge italiana, è applicabile con poche correzioni anche alle normative internazionali europee e statunitensi.

Si tratta da anni del contratto più diffuso in Italia, che ha raggiunto recentemente addirittura le 60’000 copie di diffusione.

La notizia della nuova pubblicazione giunge da una nota degli sviluppatori, secondo cui la versione odierna costituisce un importante passo verso la 3.0, che vedrà importanti modifiche contenutistiche e strutturali.

Il pacchetto è scaricabile gratuitamente dal portale Oscon.it, ed è rivolto a tutti, specialmente a piccoli e medi imprenditori, ma anche a sviluppatori occasionali e alle imprese più grandi che necessitano di contratti standard per un ampio parco clienti. Contiene, nello specifico:

  • Un contratto e una nota di lavoro che, come si intuisce, servono per descrivere accuratamente il proprio lavoro e costituiscono il fulcro di OSCON.
  • Una ricevuta per prestazioni occasionali: utile ai piccoli imprenditori italiani che non hanno partita IVA ma desiderano comunque essere in regola fiscalmente (tramite la ritenuta d’acconto).
  • Una carta intestata: utilizzata anche negli altri documenti, sfrutta un semplice schema per la disposizione degli elementi, e permette di creare lettere e piccole brochure aziendali piacevoli e ben leggibili.

Il progetto Oscon, giunto ormai al quinto anno di attività, è senza fini di lucro e vive interamente della passione dei propri utenti, una comunità di affezionati – “gli osconiani” – che si occupano di proporre e sviluppare modifiche e implementazioni ai documenti.

All’interno del portale è disponibile anche un forum di discussioni su cui vengono date risposte ai quesiti degli utenti sul copyright, sulla gestione dei rapporti coi clienti, e sulla vendita in generale.

Red. Tec.

Commenta via Facebook!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *