Processi in Svizzera, al via l’informatizzazione


Avviata l’informatizzazione dei processi in Svizzera. In futuro anche per l’invio degli atti sarà possibile la trasmissione per via elettronica.

BERNA – Durante i procedimenti civili e penali e nelle procedure di esecuzione e fallimento, vari tribunali e autorità dovranno in futuro recepire e trattare gli atti trasmessi per via totalmente elettronica.

Lo annuncia oggi l’Ufficio federale di giustizia (UFG), avviando una consultazione sul progetto di ordinanza che disciplina le modalità della comunicazione per via elettronica. Le istituzioni interessate potranno esprimere il proprio parere entro la fine di settembre.

Il Codice di procedura civile (CPC), il Codice di procedura penale (CPP) e la legge federale sulla esecuzione e sul fallimento (LEF) permettono già da qualche tempo alle parti di trasmettere gli atti scritti ai tribunali e alle autorità anche per via elettronica. Il Consiglio federale è autorizzato a definire il formato della trasmissione.

Per l’elaborazione di queste disposizioni esecutive, l’Ufficio federale di giustizia (UFG) ha deciso di proporre un’unica ordinanza che disciplini le modalità della comunicazione per via elettronica tra le parti e i tribunali o le autorità.

Con l’emanazione coordinata delle disposizioni le diverse procedure potranno essere svolte in modo standard anche dal punto di vista tecnico.

Queste decisioni rientrano nel progetto di e-government in svolgimento in Svizzera. Le nuove disposizioni esecutive entreranno probabilmente in vigore il 1° gennaio 2011, contemporaneamente al CPP, al CPC e alla modifica della LEF.

Red. Int.

Commenta via Facebook!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *